Bandiera Inglese

Herbarium Recordationis

Raccogliere i ricordi di chi non c’è più e travestirli di fiori

 

Herbarium Recordationis è un progetto fotografico di Gaia Vettori e Anita Scianò. Esso si propone di rendere omaggio a chi non c’è più, aiutare chi è rimasto a rendere più dolce la perdita, dare ai rispettivi cari la possibilità di raccontare quella persona come normalmente non viene concesso di fare pubblicamente. Anita e Gaia raccolgono queste storie e provano a tradurle attraverso immagini di fiori e piante. Il progetto spera un giorno di potersi concretizzare in un libro vero e proprio.

Herbarium Recordationis è un progetto che unisce la passione per i fiori, sintetizzata attraverso la classificazione degli antichi erbari, il ricordo e il lutto. In che modo?
Herbarium recordationis è un progetto che si concretizza nella forma della raccolta fotografica accompagnata da testi e illustrazioni e che intende celebrare il ricordo di dieci persone scomparse. Alle persone decedute è simbolicamente associato un fiore o una pianta, presentati sia sotto forma di illustrazioni (e qua c'è il rimando alla modalità dell'erbario) sia sotto forma di fotografia. Essenzialmente è quindi un lavoro che intende proporsi come strumento del ricordo per chi è restato.

Mi pare di capire che c'è un progetto di racconto dunque…

Certo. Come detto prima, Herbarium recordationis non è solamente un libro fotografico, ma aspira ad essere una pubblicazione di più ampio respiro. Abbiamo capito fin da subito che una successione di foto, messe una dopo l'altra in slide-show, non sarebbe affatto bastata ed ecco che si è piano piano concretizzata l'idea di produrre un libro – ancora in lavorazione – che unisse differenti aspetti della produzione visiva e letteraria.

 
 

Chi può rivolgersi ad Herbarium Recordationis?
Abbiamo iniziato a raccogliere testimonianze a partire dai nostri familiari e amici. Poi, piano piano, ci siamo accorti che questo esperimento stava iniziando a suscitare interesse, tanto che alcune delle storie raccolte sono state narrate da persone che spontaneamente si sono rivolte a noi, poiché desiderose di condividere le loro storie. Abbiamo quasi completato la nostra ricerca, ma non escludiamo di poter raccogliere altri racconti: chiunque può narrarci la propria storia. Da parte nostra, vi è la massima disponibilità e il più genuino interesse nel voler ascoltare chiunque voglia regalarci una parte delle proprie emozioni, del proprio vissuto.
 
Con quale criterio scegliete di associare una persona ad un particolare fiore o ad una particolare pianta?
Per quanto riguarda l'accostamento simbolico tra persona e fiore, anche in questo caso, vi è da parte nostra la massima apertura: a volte siamo noi a proporre una pianta o un fiore, scelto in base a quanto abbiamo potuto ascoltare a proposito del defunto, altre volte è la persona intervistata a suggerirci qualcosa. Per noi è importante rispettare la sensibilità di coloro che hanno scelto di donarci la propria storia ed ovviamente il ricordo di chi non c'è più.



Gaia & Anita
Herbarium Recordationis
 

Per contattare Herbarium Recordationis: herbariumrecordationis@gmail.com

 

 
 
 

Francesca Rinaldi - ERBA magazine

Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 1/3/2017

I Social di ERBA Magazine: