Bandiera Inglese

Armi e Bagagli

Tenere di scorta. Fare la scorta. Vivere sotto scorta.

Roberto Saviano
Fonte: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/campania/

 
Da due anni Saviano vive con 4 carabinieri che lo proteggono dalle minacce di morte da parte di quei camorristi che lui stesso, col suo libro-denuncia Gomorra, ha contribuito a ingabbiare, isolare, arrestare, far conoscere. Da due anni Roberto Saviano, di anni 29, non esce con gli amici per una birra, per un cinema, per un caffé, non esce con una ragazza. Non riesce ad affittarsi un appartamento: vive nelle caserme, probabilmente accanto alle carceri, chiedendosi dove finisca la sua di prigione. Al suo paese di origine (Casal di Principe) hanno smesso di difenderlo e continuano a dargli di 'venduto' perché scrivendo ciò che ha scritto è diventato ricco e non è costretto a campare con 500 € al mese.

«Piacciono poco, da noi, i martiri. Morti e sepolti, li si può ancora, periodicamente, sopportare. Vivi, diventano antipatici. Molto antipatici».

Alcune dichiarazioni ufficiose di un pentito camorrista hanno rivelato il progetto di un attentato per ucciderlo facendolo saltare in aria col tritolo. Prima o poi questo momento doveva arrivare, mi son detta. Lo hanno condannato e lo prenderanno, dovesse essere l'ultima cosa che faranno su questa terra.

Per questo Roberto ha deciso di lasciare l'Italia; deve riprendersi la propria esistenza in mano per toccarla direttamente senza sospetti né paure, e poter tornare a scrivere. Spiegarsi la realtà dei fatti, oltre che impossibile, è, per la maggior parte delle volte, anche doloroso, per questo voglio credere che la decisione di Saviano di lasciare l'Italia non sia altro che la normale decisione di un 29enne che spera di rifarsi una vita da un'altra parte, lontano da un ambiente che non è più in grado di dargli niente se non un'esistenza blindata, sterile, quasi colpevole.

Il pericolo non nasce da chi pesca, trova, una nuova notizia, il pericolo nasce da chi la riesce a far passare, da chi rompe la crosta degli addetti ai lavori, da chi in qualche modo riesce a far veicolare dei messaggi, dei racconti.



Linda Augugliaro - ERBA magazine
 
Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 27/6/2016

I Social di ERBA Magazine: