Bandiera Inglese

Nuove amicizie e la meraviglia di Roma: il training a Frascati

Il volontariato di Isabel, dalla Galizia a Prato

Ciao a tutti, in questa nuova pagina del mio blog voglio raccontarvi la mia esperienza in occasione dell' “On Arrival Training” (OAT) a Frascati, vicino Roma, dal 1 al 7 Dicembre 2019 (sì lo so un po' in ritardo). L'OAT è una prima opportunità di formazione realizzata dalle Agenzie Nazionali dei paesi ospitanti, un'occasione per conoscere volontari che si trovano in Italia da tutto il mondo per fare la mia stessa esperienza.

Domenica 1 dicembre mi sono svegliata presto per prendere il mio primo treno da Prato Centrale a Firenze e dopo un altro da Firenze a Roma – Termini dove ho preso la metro per Anagnina e lì un autobus per Frascati. All'arrivo al Centro Giovanni XXIII, sede del training, ci sono state assegnate le camere e successivamente siamo andati a mangiare. Dopo pranzo ci siamo incontrati con tutti i partecipanti. Quando sono uscita sulla terrazza dell'alloggio per incontrare gli altri partecipanti, è stato incredibile, ho iniziato a sentire parlare spagnolo ovunque! E ho incontrato Sofia, una ragazza della Rioja, Albert e Andrea da Barcelona, un'altra Andrea da Madrid, Maria da Màlaga e, naturalmente, il mio vicino galiziano di Sanxenxo, David. Su 25 persone 7 eravamo spagnoli!


 
 


Una volta arrivati tutti i partecipanti, abbiamo iniziato a svolgere attività per presentarci, per conoscere i nostri nomi, da dove venivamo e cosa stavamo facendo qui, di cosa trattava il nostro volontariato. La prima cena è stata il momento ideale per iniziare a socializzare con gli altri volontari provenienti da diverse parti d'Italia, venivamo quasi tutti dal nord tranne Karolina, che era nella lontana Puglia. I giorni seguenti li abbiamo trascorsi insieme ai nostri formatori  Emiliano, Andrea, Stefania e Laura che hanno proposto diverse attività e proposte per entrare in empatia con gli altri, lavorare sulle paure e le aspettative sul nostro progetto di volontariato. 
Le giornate iniziavano alle 8.30 con la colazione, alle 9.30 iniziavano i seminari che proseguivano fino alle 13, con una pausa caffé alle 11. Nel pomeriggio, le attività riprendevano alle 15.30, con una pausa snack alle 5 e alle 8 la cena e poi di nuovo nella lounge per l'ultima parte delle attività programmate o per trascorrere una serata senza attività programmate facendo quello che volevamo. La seconda notte abbiamo visto un film “Quo vado”. Queste film  racconta la storia di un giovane ossessionato dal posto fisso. Quando a causa di un riforma della pubblica amministrazione il lavoro di Checco e di molti altri dipendenti statali rischia di saltare, il giovane farà di tutto pur di preservarlo.  





 

È stato molto interessante ascoltare le diverse esperienze! Le attività durante il giorno erano tante e molto varie, abbiamo raccontato il nostro volontariato, abbiamo parlato delle cose buone e anche dei problemi che potrebbero verificarsi prima e durante il volontariato e come gestirli. Devo dire che ero incuriosita dal fatto che molti volontari avessero problemi con il loro lavoro quotidiano, anche su cose basilari, in quanto io non condividevo queste emozioni. Infatti non potrei essere più felice con il mio lavoro e la mia associazione.


Un'altra attività molto interessante ha riguardato lo “Youthpass”, infatti avevamo informazioni contrastanti e abbiamo avuto modo di chiarirci su tutto ciò che riguarda questa certificazione dell'esperienza realizzata. 

La svolta è stata senza dubbio mercoledì, quando abbiamo dovuto girare un video in gruppo. Sono stati momenti incredibili, in cui noi stessi siamo stati i protagonisti della nostra storia di volontariato, nel nostro caso abbiamo scelto la canzone "Felicità" di Albano e Romina e abbiamo cambiato tutti i testi, quindi abbiamo proceduto a registrare tutte le scene che abbiamo raccontato nella nostra canzone. È stato un duro lavoro fare tutto in un giorno, ma la soddisfazione alla fine è stata la cosa migliore! Perché di notte abbiamo visto tutto il lavoro degli altri compagni e ci siamo divertiti molto e una giuria ha assegnato dei premi.

 
 
 

Ma la giornata più bella è stata giovedì: Roma ci stava aspettando. La mia prima volta a Roma!!!!
Dopo aver trascorso l'intera settimana a Frascati, avremmo trascorso una giornata in un ambiente diverso .... godendo di tutti gli incanti di Roma! Quel giorno un autobus ci ha portato fino ad Anagnina, da lì abbiamo preso la metropolitana per Lepanto, dove abbiamo incontrato il presidente dell'Agenzia Nazionale Giovani presso la sede dell'Agenzia. 
Per l'occasione ci siamo uniti ad un altro gruppo di volontari e abbiamo potuto fare ogni tipo di domanda al presidente. Ma che sorpresa quando hanno messo il nostro video in modo che potessimo vederlo tutti insieme!
Nel pomeriggio siamo stati liberi di goderci tutto ciò che Roma ci offriva. E attesto che ci è piaciuto molto. In effetti mi mancano già le sue strade .... Io sono andata con Andrea e Irini che già conoscevano Roma… è stato meraviglioso!!!  

 
 


Dopo questa giornata si è fatta strada la consapevolezza che la settimana stava volgendo alla fine... Non mi è piaciuta questa idea perché ero molto felice, ma dall'altro volevo anche tornare alla mia vita di Prato, gli amici e la mia famiglia Toscana. Devo dire che  i nostri volti riflettevano la tristezza di dover dire addio... perché avevamo creato la nostra piccola famiglia di volontari. Sabato era tempo di fare un podcast che sarebbe servito da riassunto a tutta questa esperienza vissuta, e la verità è che che c'è un prima e dopo l'On Arrival Training.... Posso dire che condividere la vita e le esperienze con coloro che, quando sono arrivato, erano 24 sconosciuti, mi ha fatto sentire ancora meglio e più orgogliosa del mio volontariato! !! Sapere che ci sono più giovani come te che aiutano altruisticamente gli altri e che sono persone così speciali e che ti hanno portato così tanto è fantastico... Posso solo dire che non cambierei questa esperienza per niente al mondo e che sono ogni giorno più felice!
Domenica 7 dicembre dopo le valutazioni finali e i saluti ci siamo diretti verso l'autobus per il ritorno fino ad Anagnina e da lì abbiamo preso la Metro per Termini, dove le nostre strade hanno preso direzioni diverse, e dopo un caldo giro di abbracci ci siamo salutatifino alla prossima volta ... dato che questo era solo l'inizio di una nuova avventura.


Isabel

Ultima revisione della pagina: 9/6/2020

I Social di ERBA Magazine: