Bandiera Inglese

Sorprese di Natale e Festeggiamenti di Capodanno

Il volontariato di Isabel, dalla Galizia a Prato

Ciao
ragazzi, come
va? Sono di nuovo Isabel, dalla gAlizia a Prato per il mio progetto di volontariato ESC - Erasmus +. Oggi voglio  raccontarvi (anche se un po' in ritardo) come è stato il mio Natale e anche la mia esperienza di tornare a
casa a sorpresa
!

All'inizio tornare a casa per Natale non era nei miei piani, poiché
è un periodo più costoso del solito per viaggiare, e ho programmato di
aspettare che passasse il Natale e poi tornare qualche giorno in Galizia,
ma alla fine ho deciso di andare. Dopo aver visto che Easyjet avrebbe sospeso il suo volo da Malpensa per Santiago de Compostela e che
Ryanair avrebbe fatto lo stesso da gennaio ad aprile, ho detto, vado! Ed
ho preso un volo dal 16 al 29 dicembre per andare a passare qualche
giorno con la famiglia e gli amici.




 
 

Ho il tenuto segreto per tutto il tempo, a volte è stato difficile quando parlavo con i miei genitori e amici per telefono perché dovevo stare molto attenta a quello che stavo dicendo... a un certo punto ho quasi rovinato tutto facendomi scoprire, ma alla fine nessuno ha capito nulla, è uscito tutto perfetto e sono stata in grado di fare la sorpresa come era nei miei piani, per ognuno di loro!


Vi racconto un po'!
Il 13 dicembre, ho preso il treno a Prato per andare a Bergamo, lì nella stazione mi aspettava Ana (un'amica dalla Galizia che adesso vive in Italia con il suo ragazzo). Sono stata con loro da venerdì a domenica, il giorno in cui dovevo prendere l'aereo per la Spagna, e siamo stati benissimo. Venerdì Ana e io siamo andati a fare una passeggiata a Bergamo Alta mentre Mattia (il suo ragazzo) ha fatto la cena, una deliziosa pasta! Dopo cena siamo andati a giocare a golf e bere una birra con un suo amico. Sabato mattina abbiamo fatto una passeggiata nella zona in cui vivono loro (Trezzo) ed è stato molto rilassante passeggiare lungo la riva del lago! Dopo aver mangiato un sacco di salsicce tipiche siamo andati a visitare il castello, la sorpresa è stata vedere che potevamo andare nei sotterranei e che erano addobbati come la città di Babbo Natale, sembrava essere in una favola, anche se mi sono seduta sulle gambe Babbo Natale e potete immaginare cosa mi ha chiesto? Se avevo fatto la brava... ovviamente ho risposto di si :) è stato un momento molto divertente!!! E la visita è stata incredibile! Nel pomeriggio siamo andati a fare una passeggiata a Monza, dove c'erano i mercatini di Natale e lì abbiamo bevuto il famoso vin brulè. Dopo una passeggiata siamo andati a mangiare una pizza e visto che faceva troppo freddo siamo tornati a casa per vedere un film sul divano, sotto le coperte.



 

Domenica sono finalmente ripartita per la Spagna. Ana e io siamo andate a mangiare a Bergamo e poi mi ha portato all'aeroporto, l'emozione che ho avuto nel mio corpo di vedere tutta la mia gente è difficile da spiegare ... Non vedevo l'ora i di vederli tutti!!! L'unica persona che sapeva che stavo tornando era mia cugina Nancy, che è venuta a prendermi all'aeroporto di Santiago per portarmi a casa.

 



È stato incredibile vedere il viso di ognuno quando mi hanno visto perché non se l'aspettavano!! Non potete immaginare la soddisfazione e la gioia che mi ha dato ognuna delle sorprese che ho fatto, non dimenticherò mai le loro espressioni sorprese! Il giorno in cui sono arrivata a casa la persona che mi ha aperto la porta era papà ... il sorriso e l'abbraccio con cui mi ha accolto sono stati incredibili e mia madre mezzo addormentata sul divano pensava che fosse un sogno, è stato molto divertente perché non ci credevo... diceva "Isa, Isa... sei tu??" Credo che me l'abbia chiesto più di cinque volte, chiudendo e aprendo gli occhi continuamente :).

 
 


Anche quando sono andata a trovare la mia migliore amica... La stavo chiamando al telefono come se fossi in Italia ... ma ero sulla porta di casa sua, suonando il campanello per farmi aprire ma era scollegato ed ho continuato a provare fino a che non ho suonato ad un altro e le ho detto “Senti hai rotto il campanello?” È uscita dalla porta correndo come una matta e per un momento ho avuto paura che sarebbe caduta dalle scale per quanto veloce stava scendendo! 
Senza dubbio penso che sia stato il miglior regalo che potessi fare alla mia gente ed è stato molto soddisfacente per me ricevere così tanto affetto e vedere le loro espressioni sorprese!!! E hanno adorato la sorpresa!!! Mi ha dato tantissima energia molto positiva :D

 
 

Il 29 dicembre sono tornata in Italia, ho preso il mio aereo da Santiago de Compostela a Bergamo e lì è venuta a prendermi la mia amica Ana, sono andata a casa sua di nuovo e abbiamo cenato insieme loro e due amici. Mattia ha fatto gli gnocchi, deliziosi!! ! Quella notte ho dormito da loro e il giorno dopo sono andata a prendere il mio treno da Bergamo a Prato. Il 31 dicembre, alla fine dell'anno, ho ricominciato a lavorare, che bello andare ad incontrare e rivedere tutti i bambini di We Meet!
Dopo il lavoro Laura, la mia tutor, è venuta a prendermi a lavoro per andare a festeggiare la fine dell'anno con lei e i suoi amici, è stato incredibile!! L'abbiamo fatto a casa di uno dei suoi amici, dove ci siamo incontrati e abbiamo iniziato a preparare tutto per la cena ... L'ho adorato davvero e mi sono divertita molto perché era un lavoro a catena in cui tutti collaboravamo e ci si aiutava a vicenda ... È stato un giorno che ricorderò per sempre pieno di risate e momenti incredibili! Devo dire che sono galiziana, ma quel giorno ho provato le ostriche per la prima volta... lo so... è un crimine! hahahaha 
La verità è che tutto ciò che abbiamo mangiato era delizioso... deliziosi antipasti, deliziosi polpi, ostriche, gamberi, capesante, risotto, pesce.... meglio che in un ristorante! Dopo cena e i fuochi di artificio siamo andati a ballare e abbiamo finito la notte nel migliore dei modi. Devo ringraziare a tutti loro per avermi fatto passare una notte fantastica :)


Devo anche dirvi che in lontananza a volte si soffre un po'... il primo giorno è arrivata una notizia che mi ha lasciato totalmente scioccata, quando ho chiamato mia madre ho capito che stava succedendo qualcosa e mi ha detto che mio padre era stato ricoverato la sera di Capodanno e che era in terapia intensiva.... sono state ore terribili per me perché sapevo che la situazione era difficile... la cosa sembrava terribile... Non sapevo cosa fare... saranno trascorse un paio d'ore ma mi è sembrata un'eternità... alla fine sono riuscita a parlare con i dottori che mi hanno tranquillizzato dicendomi che era fuori pericolo, lì ho iniziato a rilassarmi... ma devo ammettere che con lontananza questi momenti vanno molto male. L'importante è che dopo più di una settimana in terapia intensiva mio padre è stato portato nella stanza e dopo un paio di settimane è tornato a casa. E più o meno tutto è tornato alla normalità...

Devo dire che per esperienza in questi momenti si diventa sempre più forti e ti insegnano molto! Non sai quanto puoi essere forte e forte finché non ti trovi nella situazione. Ritengo che questa esperienza sia unica, invito ognuno di voi a farla perché è davvero soddisfacente.

Alla prossima raga!


Isabel

Ultima revisione della pagina: 9/6/2020

I Social di ERBA Magazine: