Bandiera Inglese

La ricetta della Sangria secondo Isa

Il Blog di Isabel dalla 40ena



 

Ciao ragazzi, l'ultima volta vi avevo promesso la ricetta della sangria e,  visto che ogni promessa è debito, oggi vi svelerò la ricetta secondo me!
La sangria deve il suo nome al suo colore che ricorda il sangue, quindi dovrebbe sempre essere fatta con vino rosso. Se viene fatta con il vino bianco, rigorosamente non si dovrebbe chiamare sangria o, per lo meno andrebbe chiamata sangria bianca. Si può anche usare il cava invece del vino, ma in questo caso va detto che non avrà il colore classico. Anche se è comune aggiungere un po 'di brandy, cognac o liquore simili, nella ricetta originale della sangria non c'è nient'altro che vino rosso

Per quanto riguarda la scelta del vino, quanto migliore è più buona sarà la sangria, ma non c'è bisogno di impazzire e utilizzare un vino di riserva, sarà sufficiente non usare "peleon" o vino in tetrabrick. Sceglietene uno che vi piace ma non è molto costoso. Anche per la frutta potete scegliere quella che più vi piace, Vi consiglio di utilizzare frutta estiva, sempre fresca, assolutamente non pesche in sciroppo o ananas in scatola. È conveniente che i frutti siano di consistenza po' dura, tipo di mela, banana e simili, meglio lasciar perdere frutta con un sacco di acqua, ma vi lascio a vostro piacimento.

Un altro requisito importante è la macerazione del frutto. Se si fa la sangria e la beviamo subito, il frutto non si sarà impregnato con gli aromi del vino e non ci sarà stato lo scambio di sapori tra uno e l'altro. Sangria è una bevanda al gusto di frutta, non dimenticatelo. Dall'altra parte non dobbiamo nemmeno esagerare con la macerazione o il frutto fermenterà. Il mio consiglio è che la sangria dovrebbe essere fatta con due ore di anticipo dal momento del consumo, e vedrete quale differenza troverete nel gusto. Se quelle due ore lo terrete in frigo, allora non dovete aggiungere molto ghiaccio per farla fredda.

Un altro consiglio che vi posso dare è di evitare l'accumulo di zucchero sul fondo della brocca. Io di solito pre-preparo uno sciroppo. Importante è servire sempre con un cucchiaio lungo nella brocca per evitare che il frutto cada e sarà anche utile per mescolare di tanto in tanto.

Comunque qui trovate la mia ricetta

 
 

Ingredienti

  • 3 litri di vino rosso,
  • 2 arance,
  • 2 limoni,
  • 2 mele,
  • 200 grammi di zucchero,
  • 1 litro di soda al limone,
  • 1 bastoncino di cannella.
 

Per fare questa bevanda estiva tipica, iniziamo sciogliendo lo zucchero in 100 ml di acqua calda per formare uno sciroppo e che faciliterà la dissoluzione  dello zucchero nel vino. In una ciotola grande mettere il vino e lo sciroppo e aggiungere il succo estratto da una delle arance e mescolate. Tagliare i frutti in piccoli pezzi, cosa che faciliterà la loro successiva macerazione. Facciamo quest''operazione con tutta la frutta a disposizione tranne che con l'altra arancia che non sbucciamo ma tagliamo a spicchi o mezze fette. Versare tutti i pezzi di frutta nella ciotola con il vino e aggiungere il succo di limone e un bastoncino di cannella, lasciando riposare per due ore.

Una volta macerata la sangria è servita accompagnata da alcuni cubetti di ghiaccio, e una lunga buccia d'arancia come ornamento. Se lo si desidera è possibile aggiungere una bibita zuccherina o una bibita all'arancia o limone, anche se è consigliabile farlo al momento del consumo in modo che conservino il loro gas e non prima perché rallenta la macerazione. Nel mio caso, ho messo una bottiglia da 1,5 litri di limonata. Di solito viene servito in grandi bicchieri  insieme alla frutta che può anche essere mangiata. La mia ricetta estiva di sangria non è "arricchita" con altri liquori, questo perché la miscela di alcol con calore e sole può sorprendervi, quindi vi consiglio di moderare con il consumo e farlo accompagnando la bevanda con un po 'di cibo.

Godetevi l'estate ragazzi!!!



Alla prossima ragazzi, e ricordate: sempre con un sorriso :) ¨¨always with a smile¨

Isa

Ultima revisione della pagina: 14/10/2020

I Social di ERBA Magazine: