Bandiera Inglese

La Banda dei Malandrini

Tra il Trail Running e rispetto ambientale


Come è nata l'idea de La Banda dei Malandrini?
La Banda dei Malandrini è nata a Prato nel 2011 da un piccolo gruppo di amici che condividevano la stessa passione: il trail running principalmente con le distanza 'ultra' quindi superiori a 40km.

Negli anni la Banda è cresciuta, ma tutti i Malandrini, compresi gli acquisti più recenti sono accomunati da una sana vena di follia.

Noi non ci prendiamo troppo sul serio e soprattutto sappiamo ridere di noi stessi (e degli altri) ma sulle cose serie non si transige: il rispetto, la natura e la promozione del territorio che ci appartiene sono cardini fondamentali su cui ogni Malandrino giura fedeltà.

 

Cosa lega la natura ed il paesaggio al Trail Running?
Il Trail Running è una disciplina sportiva che ti mette a stretto contatto con la natura: ogni uscita ti costringe a fare i conti con i cicli delle stagioni e le condizioni meteo del momento, insegnandoti che la montagna va sempre temuta e rispettata.

Chiunque si avvicina al trail running deve essere però cosciente che non si tratta esclusivamente di sport: bisogna abbracciare lo  'Spirito Trail' che impone rispetto per l'ambiente e solidarietà tra trailers.

 
 

Dovrebbero esserci più iniziative a Prato in ambito paesaggistico?
Il territorio che circonda la città di Prato è incredibilmente ricco di ambienti suggestivi e incantati che sono la nostra palestra all'aria aperta durante tutto l'anno.

Le iniziative che portano a conoscere questi territori non mancano anche se sicuramente potrebbero essere più numerose, più importanti e magari sopportante dalle pubbliche amministrazioni.

Crediamo tuttavia che sarebbe importante unire eventi di scoperta del territorio naturale pratese a momenti di sensibilizzazione per il rispetto per l'ambiente, soprattutto per quanto riguarda la lotta all'abbandono dei rifiuti lungo i sentieri.

 

Lorenzo Napolizzi - ERBA magazine
 
Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 6/10/2020

I Social di ERBA Magazine: