Bandiera Inglese

Casino Royale @ Flog

Gruppo di musicisti impeganti in una performance live
Foto di Marco Giani

 
Ognuno di noi ha dei piaceri personali sotto forma di sapori, oggetti, libri e film, che conosce benissimo, dai cui trae quella confortevole soddisfazione conosciuta. Il nuovo libro di quell'autore che conosciamo benissimo (Stephen King ad esempio); andare a passeggiare in centro il sabato mattina; le lasagne al pesto di tua madre; il film Labyrinth per qualche fanciulla cresciuta negli anni ottanta. Quelle cose che già in qualche modo conosci da prima il sapore, ma a cui non rinunceresti per niente al mondo.

I concerti dei Casino Royale sono una di quelle cose. Il primo concerto il sottoscritto l'ha visto negli anni novanta in quel posto magico che era l'anfiteatro di Firenze, clima perfetto d'estate all'aperto, sul palco oltre ad Alioscia e Giuliano Palma (ormai abbandonato il progetto Royale per le cover ska dei Blue Beaters) c'era anche Dj Gruff. Era appena uscito 1996: Adesso! il live che conteneva un remix dei Sangue Misto di cose difficili (http://it.youtube.com/watch?v=yYUXCJjP_uM) e la vita sorrideva.

Sono passati tredici anni, il posto è un classico anche per i Casino Royale (Alioscia chiede al pubblico «Chi c'era quando abbiamo suonato qui nel 1992?» E qualche mano si alza), l'Auditorium Flog di Firenze. Sala piena, palco montato, luci soffuse. I CR sono in formazione classica, senza Giuliano Palma naturalmente, perfettamente rimpiazzato da quel genio di Alioscia. Il repertorio è il classico da 'Sempre più vicino' al nuovo 'Prova', dal vecchissimo 'Re senza Trono' all'inedito 'Cosmic Sound', il tutto in chiave reggae e ska, dell'ultimo cd Royale Rockers. Il pubblico balla, nuove generazioni e trentenni, rastaman ed ex-rastaman cantano, ti guardi attorno e tutto é perfetto.

Questo si, che è un classico buon concerto.



Marco Giani- ERBA magazine
 
Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 27/6/2016

I Social di ERBA Magazine: