Bandiera Inglese

Swing Chopin@castello dell'Imperatore

Prato 17 giugno 2009

 
campo di grano in stile impressionista
Fonte: www.jardis.de

Musicisti:
KLAUSS LESSMANN clarinetto e flauto
RICCARDO GALARDINI chitarra elettrica
MAURIZIO GERI chitarra classica
PAOLO GHETTI contrabbasso


Gli Swing Chopin sono un quartetto di musicisti di altissimo livello, ognuno con un background differente ma con in comune un grande studio della musica e un gusto musicale davvero ottimi.
La band, con contratto sotto Jardis records, etichetta tedesca, è composta da Klaus Lessmann (clarinetto, flauto), Riccardo Galardini (chitarra elettrica) già chitarrista solista di Ivano Fossati nonchè premio Oscar per la colonna sonora di 'Mediterraneo' di Gabriele Salvatores, Maurizio Geri (chitarra classica) e Paolo Ghetti (contrabbasso).

Il loro repertorio, come suggerisce il nome del gruppo, spazia tra la vasta produzione di Frederic Chopin, rivisitando molte delle sue Marzurke, cambiandone molte volete la durata dagli orginali 3/4 a 4/4, e dando un tocco jazz, lounge e,ovviamente, swing davvero elegante e allo stesso tempo frizzante. E un bel ri-arrangiamento in 5/4, almeno nella parte inizale, di 'Nocturne op. 37,1" ad opera di Riccardo Galardini.
Duratne il concerto ci sono stati anche momenti del grande Django Reinhardt, vedi 'Swing 42' e un bis con la sempre-verde 'All of me'.

Il concerto è stato molto gradito dal pubblico che è accorso numeroso all'evento. Tanti i monenti in cui i due chitarristi Geri e Galardini si sono 'sfidati' a suon di assoli facendo 'spellare' le mani del pubblico, nonchè eccellenti sono stati i momenti solisti del bravo Lessmann.

Una serata davvero piacevole, complice anche la bellissima cornice del Castello dell'Imperatore.

Sicuramente uno dei migliori concerti di quest'estate pratese 2009.

Per saperne di più su questa bella band e su le prossime date, collegarsi al sito www.jardis.de



Alessio Lauria - Redazione ERBA magazine
Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 27/6/2016

I Social di ERBA Magazine: