Bandiera Inglese

Amore, bugie & calcetto

Un film di Luca Lucini con Claudio Bisio, Filippo Nigro, Giuseppe Battiston, Angela Finocchiaro, Claudia Pandolfi.
 

Locandina del film

 
"L'amore al tempo del calcetto è un ingarbuglio inestricabile". La parafrasi del famoso romanzo di Garcia Marquez pronunciata da Giuseppe Battiston, che impersona il Mina, sintetizza in modo efficace il filo conduttore di Amore, bugie e calcetto. Un gruppo di giovani trentenni e quarantenni non mancano mai al loro appuntamento settimanale: l'incontro di calcetto. Accanimento, energia e spirito di competizione sono i sentimenti che mettono in campo nel tentativo di dimenticare, per un'ora alla settimana, il tran tran del vivere quotidiano. Eppure i crucci lavorativi e quelli sentimentali incidono in modo prepotente sulle loro prestazioni sportive. Il calcetto diventa, come dichiarato dal famoso allenatore Nereo Rocco, l'immagine speculare delle loro vite. "Il bello di questo film è che il calcetto è uno specchio, un pretesto per parlare della vita. Cos'è il nostro spogliatoio se non un momento di autocoscienza maschile?" commenta Claudio Bisio, uno dei protagonisti del film. (http://www.adnkronos.com/IGN/Spettacolo/?id=1.0.2013019909)

Sul campo da calcetto ognuno rivendica il proprio ruolo ed un momento di gloria senza accorgersi che replica inconsapevolmente le parti interpretate nella vita reale. C'è infatti chi corre nella vita, tra pannolini e biberon, così come corre a perdifiato nel campo da calcio. C'è chi sta in panchina e suggerisce infallibili strategie di gioco così come sta al margine della propria vita familiare assistendo inerme alle seconde nozze della propria ex-moglie.

Una commedia romantica che, con brio e giusta dose di leggerezza, racconta di sette protagonisti maschili, compagni di squadra alle prese con i piccoli dilemmi esistenziali: nevrosi familiari, conflitti intergenerazionali e incomprensioni tra amici.

Un cast di attori (Claudio Bisio, Angela Finocchiaro, Claudia Pandolfi, etc.) che conquista per l'ottima recitazione, carica di incisività e capacità di immedesimazione.

Una storia 'fresca' capace di far riflettere senza angosciare, capace di rappresentare confusioni e insoddisfazioni moderne senza negare il divertimento e un lieto fine.
 


Anna De Dominicis - ERBA magazine
 
Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 27/6/2016

I Social di ERBA Magazine: