Bandiera Inglese

Magelli porta in scena Cechov

Il giardino dei ciliegi

 
controscene.corrieredibologna

 
Una rappresentazione audace ma molto d'effetto quella messa in scena da Paolo Magelli per il classico Il Giardino dei Ciliegi di Anton Cechov.
 
Lo spettacolo in un vortice di emozioni e vere e proprie corse, che i protagonisti compiono sul palcoscenico, scorre trasmettendo a chi guarda tutta la tragicomica drammaticità della storia.

Il giardino dei ciliegi è ciò che sta aldilà, quello che lo spettatore immagina, depositario di ricordi belli ma anche dolorosi. Una metafora della vita, una vita che scorre, ma che in realtà è ferma.  Intensa la recitazione degli attori che attraverso una spiccata gestualità e azione fanno entrare lo spettatore all'interno della storia attraverso tutti e cinque i sensi.
Motivo costante della narrazione e il "fare qualcosa" per salvare la tenuta, in realtà tutto ruota intorno ai ricordi e ai rimpianti. Non si agisce.

Verso la fine il rumore delle accette con le quali vengono tagliati i ciliegi scandisce il ritmo di un'assenza di tempo reale. Il taglio dei ciliegi forse, finalmente, permetterà alla protagonista un taglio con il tanto amato quanto odiato passato.



Monica Bianconi - ERBA magazine
 
Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 27/6/2016

I Social di ERBA Magazine: