Bandiera Inglese

Capitan Harlock

L'uomo, nascosto nella sua aura di leggenda, che combatte il mondo intero navigando tra stelle e pianeti per ridare speranza all'umanità.

 
immagine di Capita Harlock
www.cineblog.it

Dagli inizi di gennaio come è stato annunciato, è ritornato uno dei cartoni animati più in voga risalente agli anni 70 - 80: Capitan Harlock.

Diretto da Shinji Aramaki e scritto da Harutoshi Fukui, (autore del romanzo di successiva realizzazione filmica, Mobile Suit Gundam Unicorn), il film parla dell'omonimo pirata leggendario, nato dalla matita di Leiji Matsumoto, che contraddistinto dalla benda sull'occhio destro e dal mantello nero, guida la gigantesca nave spaziale a forma di teschio, l'Arcadia. Breve prologo con funzione di flashback - Nel 2157, miliardi e miliardi di esseri umani emigrarono dal pianeta Terra, ormai esaurito. 

Tuttavia, anche nel cosmo non ottennero risultati positivi, così coloro che formarono un movimento idealistico transplanetario decisero di ritornare sul pianeta, nonostante ciò comportasse di nuovo il problema della
sovrappopolazione.

Allora, si scatenò quindi la guerra di Come Home, finchè non venne risolta con la creazione della Gaia Sanction, un'organizzazione sovraplanetaria, che dichiarò il pianeta Terra luogo inviolabile e sacro al genere umano, ormai casa dell'intera umanità.

A capo di un armato e fedele equipaggio, Harlock naviga in tutto l'universo al fine di liberare l'umanità dal controllo tirannico della Gaia Sanction, ormai diventata corrotta e subdola.

Credo di concordare con la critica, quando dice che il film è una stupenda coreografica cromatica nell'impronta digitale della computer graphica, incentrato maggiormente sul rapporto tra i due fratelli divisi dalle fazioni opposte: Yama, nuova recluta dell'equipaggio, e Ezra, comandante supremo astrospaziale della Gaia Sanction. Tutto ciò toglie la dovuta attenzione sul pirata leggendario, il quale, sebbene resti quasi inosservato in tutta la prima parte del film, nella seconda parte fino all'epilogo riacquisisce (almeno parzialmente) quella meritata notorietà, soprattutto grazie alla tensione caotica della battaglia finale con la Gaia Sanction e ad altre rivelazioni segrete sul passato di Harlock stesso.

Ormai, egli è un eroe del passato: continuerà ad essere il faro di giustizia, libertà e speranza per le generazioni future oppure il suo posto verrà rimpiazzato proprio da un giovane combattente? 

 


 
 

 

Brian Vannacci - ERBA magazine
 
Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 10/1/2017

I Social di ERBA Magazine: