Bandiera Inglese

Cobain: Montage of Heck

Ci si potrebbero fare mille domande dopo aver visto il film

 
Fonte: wildwoodzine.it

Alla fine, però, di fronte alla disperata umanità raccontata dal documentario, non c'è tempo per le domande. Presentato in anteprima il 24 gennaio 2015 al Sundance Film Festival, il film documentario diretto da Brett Morgen sulla vita del defunto leader dei Nirvana Kurt Cobain è una messe incredibile di video, quaderni, disegni, appunti, registrazioni, pubbliche e private, personali e artistiche del cantante.

Grazie al permesso ottenuto dalla moglie Courtney Love e dalla figlia Frances Bean (anche produttrice esecutiva) per utilizzare l'archivio privato, è stato possibile realizzare un documentario che mette insieme interviste ad amici e familiari, animazioni e ricostruzioni disegnate, materiali di varissima natura cercando di restituire il ritratto di un uomo, di un genio, di un essere fragile che ha reso arte i propri limiti pagandone poi pegno.

Partendo dall'infanzia nella piccola Aberdeen, nello stato di Washington, il documentario ricostruisce la vicenda artistica e biografica del leader dei Nirvana. Le interviste di rito alla moglie, alla madre e alla sorella, alla prima fidanzata, al compagno di palco Krist Novoselic, mettono in luce la sua rabbia già infantile, l'impegno nella musica, la dannazione dell'eroina. Da un rapporto tormentato con la famiglia fino ad arrivare al successo di "Nevermind" e al crollo psichico dopo "In Utero", passando anche attraverso l'amore verso la moglie e l'emozione della paternità.

Un lavoro encomiabile dal punto di vista realizzativo e artistico, la più che riuscita impresa di dare forme e vite a uno zibaldone immenso di un artista iperattivo, in cui le registrazioni di audio-diario diventano cupi cartoni animati, gli schizzi a margine degli appunti prendono vita e la musica dei Nirvana risulta sempre qualcosa di travolgente. Forse un film pensato più per i fan, ma assolutamente di tutto rispetto e che tiene gli occhi incollati allo schermo per due ore. 

 


 
 

 

Stefania Tempestini - ERBA magazine
 
Punto Giovani Europa

Ultima revisione della pagina: 10/1/2017

I Social di ERBA Magazine: